IL MONDO DI EIRONEIA

portauovo infiniti

I portauovo infiniti di Zu, e l’età della scienza.

(Per capire il senso che dò all'analogia tra queste due immagini (l'errore percettivo del bimbo Zu è analogo "per décalage" alla visione proiettiva de l'adulto Cantor) potete leggere QUI

"Perché queste cose diventino realmente degli oggetti, bisogna che il bambino comprenda il “come” della loro apparizione e sparizione, e che rinunci così a credere possibile la loro apparizione misteriosa nel posto in cui sono spariti e dove l’azione propria li ha ritrovati. In breve, bisognerà che al fenomenismo della percezione immediata e al dinamismo dell’efficacia pratica subentri un razionalismo propriamente geometrico.” [Jean Piaget, La costruzione del reale nel fanciullo]

Piaget ha tragicamente torto...E se Zu avesse veramente rinunciato a credere che è sufficiente pensare e volere che quelle uova siano più numerose di tutto-ciò-che-è-numerabile, perché vincano contro qualunque esercito di portauova numerosi-quanto-vuolsi … Avremmo noi mai potuto credere ad un “oggetto” misterioso e magico come l’ “Aleph”, che osa smentire ogni “razionalismo propriamente geometrico”?.

Non c’è dubbio. Bisogna innanzitutto che Zu cresca, che sappia praticare le sue rinunce, che impari a leggere... persuadendosi infine con tutto il suo essere, che mai – mai! – 4 potrà essere = 7 … perché questo è imposto, di qui all’eternità, da niente di meno che il SENSO di questi simboli.

Nondimeno, l’ ETÀ DELLA SCIENZA, DELLA GAYA SCIENZA non comincia che quando il nostro spirito decide di rimettersi in ascolto della magia nascosta dietro il senso apparente delle cose, e di tutto ciò che ci indirizza la parola. E in questo Jean Piaget è stato in realtà il più convinto degli anti–piagettiani, svelandoci il mondo incantato di tutti quei piccoli Zu, Ba, Sim, Edi, Bla … che grazie al suo amore per la Scienza e la Vita, ci hanno parlato dell'universo segreto del piccolo Cantor, del piccolo Galileo, del piccolo Pitagora, del piccolo Pappo … esistente e vivente ben prima che le loro visioni abbaglianti arrivassero sulle loro bocche e nella loro coscienza riflettente.

Il mondo di Eironeia comincia laddove il pensiero umano riprende coscienza della sua potenza e della sua magia.

CLICCATE AMICI, E ENTRATE!- L'orizzonte storico CLICCATE AMICI, E ENTRATE!- I fondamenti teorici CLICCATE AMICI, E ENTRATE!- La tradizione pratica